Il salto di Zagon

    Il salto di Zagon

    Rimuovi dai miei viaggiAggiungi ai miei viaggiCampo di Planina
    Per le famiglie

    Dal campo alla grotta

    Rimuovi dai miei viaggiAggiungi ai miei viaggi

    Difficile da credere, ma nei bei tempi andati nel bacino del Pivka operavano circa 50 mulini, e all’inizio del XX secolo ancora 38, di cui 11 sul Pivka e 6 lungo il Nanoščica, che è suo affluente più importante. Oltre ai mulini Pikec, Čadež, Hudičevski, Korentan e Cene, di cui abbiamo parlato nell’idea per la gita Lungo i meandri del Nanoščica, in un assolato pomeriggio d’autunno si può anche raggiungere a piedi il “mulino di Zagon”.

    Qui, un tempo, giravano le ruote di un importante mulino, il mulino Geržin, poiché subito dopo il fiume Nanoščica scende verso Mali Otok lì si immette nel fiume Pivka. Diciamo che il mulino si trova vicino al “salto” perché il Nanoščica ha creato lì un salto più grande. I contadini di Hrenovice e Hrašče erano soliti attraversare i prati, oggi ormai incolti, fino al mulino e alla segheria. I resti di altri mulini si trovano anche nei villaggi circostanti lungo la valle flysch, proprio sul bacino del Nanoščica.

    Il mulino è raggiungibile dal villaggio di Zagon (percorso più breve) o dal villaggio di Hrašče (percorso più lungo). Pertanto, per sfruttare al meglio le calde giornate autunnali, abbiamo deciso di presentarvi il percorso da Hrašče. Potete parcheggiare i vostri “cavalli d’acciaio” accanto alla strada sterrata che imboccate alla fine del viale, poco prima di entrare nel villaggio di Hrašče. Da lì si prosegue lungo il sentiero a destra di Hrašče, oltre il vecchio ponte in acciaio e subito dopo si gira a sinistra dietro il pascolo recintato.

    La mappa dei sentieri è disponibile qui

    Prima di entrare nell’ampio borjač (cortile carsico), il vostro percorso sarà gentilmente attraversato da un cavaliere in piedi e dal suo compagno di viaggio gufo – guardiani del bosco scolpiti nel legno da un artigiano locale.

    Tempo di foto!
    Un allegro selfie: un omaggio al cavaliere, o la spada forgiata a caldo in mano; condividetelo con noi su ticgalerija@zavod-znanje.si ali o sul profilo FB e IG di Visit Postojna.

    Pochi metri più avanti si incontra un edificio ben tenuto con una casa residenziale ad un piano in pietra; alle sue spalle un tempo sorgevano un mulino in pietra e la segheria veneziana, che oggi non ci sono più, ma rimangono le rovine degli ingranaggi del mulino. Oltre ai meandri, sul verde ci sono anche altalene e panchine ma, trattandosi di una proprietà privata, si prega di trattare con responsabilità la natura e l’edificio.

    Qui potete tornare indietro verso l’auto o proseguire lungo il fiume: arriverete ad una piccola insenatura e ad una barca abbandonata. Un’area importante e protetta sono i canneti e i prati lungo i quali scorre il Nanoščica, poiché è una zona di sosta per gli uccelli migratori che trascorrono qui la notte durante i loro spostamenti autunnali e primaverili. Proprio per i meandri tortuosi creati dal fiume, la zona ospita anche le lontre d’acqua verdi-azzurre, quasi tropicali, specie acquatica a rischio. Ascoltate attentamente: potrete sentire i loro fischi.

    Durante il suo funzionamento, il mulino di Zagon era famoso per l’eccellente produzione di farina bianca e nera. Come si può leggere nel terzo libro Gente e luoghi sul Pivka, ai tempi della Lotta di Liberazione qui c’erano punti d’incontro segreti, data la posizione appartata del mulino. I partigiani potevano anche rifornirsi di farina.
    Da soli o in compagnia. Approfittate di ogni occasione per uscire nella natura alla ricerca di splendidi panorami e per ricaricare le batterie.

    Da soli o in compagnia. Approfittate di ogni occasione per uscire nella natura alla ricerca di splendidi panorami e per ricaricare le batterie. 

    SuggerimentiOops…. ni zadetkov